venerdì 23 maggio 2014

Attimi di straordinaria incertezza

Ed è tutto un rincorrersi per non trovarsi mai


Le mani che scivolano sulla tastiera, io che provo a riordinare i pensieri, ed il tempo che ancora una volta, mi sfugge.
Un mese passato con la testa china sui libri per ripetere sempre la stessa frase;
Un mese passato alla ricerca dell'avventura;


Un mese passato.
Un mese ed un passato.
Un mese ed un passo.
Avanti?


Trascorrere le notti in bianco, a rigirarsi fra le lenzuola che profumano di fresco, e chiedersi: perchè deve essere tutto sempre così complicato?
Quando basterebbe sciogliere i pensieri in un bicchiere di vino o ballare senza mai staccare le mani dalle sue;
Quando basterebbe prendere la vita con la leggerezza di un piuma, fare colazione con la Nutella e vivere come se avessimo un giorno soltanto;
Quando basterebbe uno zaino ed il mondo negli occhi e nelle mani.
Quando basterebbe semplicemente essere felice ...


Cuore, anima e forza.
Cuore e anima.
Cuore e forza.
Scavare nella mente delle persone e sporcarsi le mani toccando i pensieri più profondi.


Crederci ancora e ancora, fino a sentire dolore.
Riprovarci, rinunciare ed avere il coraggio per farlo ...


Lasciarsi trascinare, prendere per mano e scappare in sella ad una moto; 
Lasciarsi coinvolgere e fare l'amore con la testa, il cuore, le parole e gli occhi lucidi ...
Lasciarsi emozionare dalle piccole cose.
Lasciarsi e prendersi allo stesso tempo.
Prendere e lasciare
Prendere o lasciare? 


Che cosa siamo disposti a perdere per tornare ad essere felici veramente? Ma soprattutto perchè dobbiamo sempre perdere qualcosa?
Domande che girano nella testa, che si nascondono dietro a risposte troppo scontate ed io, che sono stufa anche delle cose banali.


Io che voglio mettermi in gioco, ma senza rimanere delusa.
Io che voglio guardarti, ma non farmi vedere.
Io che voglio esserci, ma non come fai tu. 
Molto. Molto di più.
Io che voglio una tavola ben apparecchiata e gli amici migliori attorno a me.


Io, che non voglio accontentarmi perchè non-è-giusto.
Io, che sono qui, e voglio essere felice senza dover perdere nulla.


sabato 19 aprile 2014

Come un uragano

"Muovo i primi passi per tornare insieme a te agli occhi del mondo"
Silvia Day - Nel profondo di te



I sensi di colpa;
La paura che accarezza ogni mio movimento;
Tu che rimani indelebile sulla mia pelle ed io che sprofondo in ogni ricordo.
Illusioni?



Forti.
Indipendenti.
Leali.
Istintive.
Innamorate.
Confuse.
Caotiche ed insaziabili.
Donne di mondo.



Curioso il modo in cui i suoi occhi trovino i miei.
Curioso il modo in cui le mani si intreccino alle mie e i vetri si appannino.
Curioso come io scelga sempre la cosa sbagliata.
Curioso come io preferisca sempre la sfida.
Curioso, come io rimanga sempre delusa.



Andremo avanti:
con una storia in più da raccontare; con il sorriso ancora più bello e con la consapevolezza che siamo come uragani.
Perchè siamo donne e tutto si sistemerà.


Un sabato sera che sta per iniziare, un bicchiere di vino bianco fra le mani e la musica infinita
Un sorriso sulle labbra e un tacco 13.

Buona serata

giovedì 3 aprile 2014

Courage

Sono qui. Ancora. 
Con un anno in più sulle spalle e l'ennesimo libro fra le mani.
Sono qui. Ancora.


Un vita frenetica, centinaia di parole e azioni che si sradicano in pensieri, emozioni e sentimenti.
18 anni, due baci sulla guancia e tanti auguri Sofi.



Ho infilato testa e cuore in un paio di Nike 5.0 e ho camminato.
Senza un meta, senza un pensiero, senza una lacrima, perdendomi tra le parole dei Coldplay.



Ci vuole coraggio.
Per amare e per ricominciare perchè gli inizi, non sono altro che pura e semplice felicità.
Ci vuole coraggio per rinunciare.
Chiudere le porte, voltare pagina e mettersi il cuore in pace.
Ci vuole coraggio.



Questa primavera che tarda ad arrivare ed io che mi accoccolo sul divano e premo play: Autunno a New York.
Un film, una colonna sonora mozzafiato e Richard che non ne sbaglia una.
Lui che sa essere così irresistibile solo dal modo in cui muove le mani;
Lui, lei e la speranza.
L'amore fatto di lacrime, sorrisi, carezze e buon cibo;
L'amore fatto di novità. L'amore così intenso e travolgente che consuma entrambi.
L'amore ...




Prendetevi del tempo per voi stessi.
Per un bagno caldo, per quindici minuti di yoga;
per leggere un libro, ascoltare una canzone o guardare un film.
Prendetevi del tempo per voi stessi e per le persone che amate: nulla torna indietro e nulla rimane ciò che era all'inizio.
Io questo lo so bene, perchè di tempo ne ho perso tanto, ma non è mai troppo tardi per ricominciare ed io vorrei farlo proprio adesso.



A volte mi colpevolizzo ancora
per averti lasciato andar via.

Se avessi insistito ancora
provando a respirarti così,
in quell'equilibrio precario
dove tutto aveva allora un suo senso,

dove il giorno iniziava con l'alba
e la notte non era mai buia.

Dov'è andata a finire la gioia,
dove le attese e i tuoi baci,
dove i miei sogni e i tuoi sguardi
dove le corse e il tuo fiato
se non mi riscalda da dentro.

Eppure io ero nel giusto,
io portavo un amore perfetto.

Annalisa Rodeghiero

A presto♥

martedì 18 febbraio 2014

Pensieri come lame

Sono le tre di notte ed io ho bisogno di leggerezza.
Di staccare la spina, di fare un viaggio per ritrovarmi e di perdermi in un abbraccio infinito.


Prendimi.
Perdimi.
Perditi.
Sparisci. Lontano. Da. Me.
Perchè uomini quello che dovete ancora capire, dopo molti anni, è che con le bugie non si va da nessuna parte.
Perchè donne quello che dovete ancora capire, dopo molti anni, è che una storia iniziata con una "balla colossale" non avrà alcun futuro.


Come può il destino, far incontrare due persone se poi per loro non c'è alcun futuro?
Mai come in questi giorni ho analizzato, rielaborato, sperato, pianto, riso e riprovato a far funzionare una cosa già rotta in partenza;
Ho incolpato me stessa, mi sono posta le domande più assurde e preso decisioni istintive.


Ma seguire l'istinto è davvero la cosa più sbagliata da fare?
Lasciarsi condurre dal mitico-ed-infallibile sesto senso ci autorizza ad essere persone diverse?
Ho la testa pesante, intasata di sciocchezze alle tre del mattino e vorrei avere la spensieratezza di una diciassettenne, ma non è così.



C'e chi dice che le delusioni non sono mai abbastanza, chi dice che fatti feriscono più delle parole e c'e chi quelle parole non riuscirà mai a dirle.
C'e chi ha perso la speranza, chi ha trovato di nuovo la felicità e chi, come canta Jova, "ha ancora il coraggio di innamorarsi".



E poi ci sono io.
Così caotica, testarda e sensibile.
Talmente illusa dalle pagine di un libro da non riuscire a distinguere più la realtà dalla finzione; così incredibilmente istintiva da far paura (che-io-la-testa-la-uso-solo-a-scuola-e-va-bene-cosi)
Così melodrammatica, confusa, ma curiosa e attratta da ciò che sorprende;
passionale e a tratti simpatica ed estroversa.
E se anche non dovessi trovare abbastanza risposte alle mie domande, ho sicuramente capito molte cose: mai ripetere gli stessi errori, mai guardarsi indietro, mai rinunciare a ciò che più ci rende felici.


MAI vivere una vita che non sia la mia .





venerdì 7 febbraio 2014

Quello che le donne non dicono

Mi sono sempre chiesa che cosa spinga una donna a legarsi così tanto ad un uomo.
Forse la paura della solitudine, la voglia di provare quelle emozioni che vengono raccontate solo nei libri o forse l'idea che insieme-è-tutto-più-bello.


L'inizio.
I primi sguardi, quando non capisci bene se sta fissando te o magari la figa-da-paura in fondo al locale.
Quando poi realizzi che nessuno ti aveva mai guardata in quel modo e tu ti senti improvvisamente attratta da quello sconosciuto che sembra conoscere già tutto di te
L'inizio.
Le prime uscite, quando le parole mancano, l'imbarazzo è così grande e tu sei talmente insicura e ingenua che vorresti solo correre via e non rivederlo mai più;


L'inizio.
Quando decidi di prendere in mano la situazione e di trovare qualsiasi argomento di cui parlare, solo per ascoltare il suono della sua voce: così profonda, intensa e sensuale che invade i tuoi pensieri già da diversi mesi.
Lui che sorride, tu che cominci finalmente a goderti la serata.
Lui che alza gli occhi incontrando i tuoi ed il mondo che si ferma: è un attimo, un istante in cui capisci che quello è il posto in cui volevi essere e la persona davanti a te è tutto ciò di cui hai bisogno. 
Adesso.
In futuro.



L'inizio.
Il primo bacio, la prima carezza sul viso e la delicatezza dei suoi movimenti.
E' totalmente disarmante e tu ti senti sospesa, in bilico fra mille emozioni contrastanti, ma felice.
Dannatamente e totalmente felice.
Quello che gli uomini non capiscono è che non si tratta solo di un bacio, in realtà è molto di più e tu vorresti saltare, urlare e allo stesso tempo piangere dalla gioia.
Quello che gli uomini non capiscono è che non sono solo due labbra che si incontrano, ma un traguardo. Una vittoria, una promessa.
Una speranza per qualcosa di migliore.



Arrivi a casa ed ogni cosa ti sembra più bella.
Ti infili velocemente sotto le coperte e ripercorri mentalmente tutto quello che è successo durante la serata: le parole dette e quelle che hai tenuto per te, i gesti e le attenzioni che LUI ti ha dedicato, le sue labbra che premono contro le tue e le mani che si intrecciano.
Il viaggio in macchina e quella canzone in sottofondo che è un po la colonna sonora di quella notte.
Ripercorri ogni ora, ogni minuto, ogni secondo.
Ogni emozione, ogni dubbio, ogni curiosità.


Quello che viene dopo è incerto e fa paura, come tutte le cose nuove;
Quello che viene dopo è qualcosa che farà parte di te, nel bene e nel male;
Quello che viene dopo sarà incredibile ed io non vedo l'ora di scrivere questo nuovo capitolo della mia vita.
A presto

mercoledì 22 gennaio 2014

C H A N E L (Spring - Summer 2014 Haute Couture)


Cara Delavigne.
Brividi




Una location mozzafiato, una musica incalzante con una melodia che vorresti riascoltare all'infinito.
Chi se non
C H A N E L ?

 


Una collezione fresca, sensuale ed elegante in cui i dettagli fanno la differenza.
Pietre preziose, un filo di glitter e eyeliner, abbinati ad un abito dalle forme geometriche e ad una scarpa dallo stampo sportivo.
Affascinate.
Un mix che solo Karl può permettersi di fare.



Un taglio di capelli eccentrico, forte e sorprendente per questa donna che continua a stupire.



Grazie, per questi quattordici minuti di pura magia
Grazie


lunedì 20 gennaio 2014

V I T A

Notorious Big nel casse e i pensieri che ti ronzano in testa, senza un perchè


E' lunedì 
La sveglia che suona e la voglia di rimanere a letto ancora per un po.
Un maglione grigio troppo grande ed un paio di Dr Martens.



I sogni sul cuscino e nel cassetto, la borsa che pesa e i programmi della giornata scritti in velocità, su un post-it giallo.
La pioggia e la corriera piena.



Un weekend pieno di emozioni nuove, di amici così diversi eppure cosi uguali ...
Se c'è una cosa che amo sono le serate improvvisate: un'amica che ti chiama e una notte tutta da inventare.
Saltare per infilarsi i jeans, il mascara e ciao-mamma-non-torno-tardi;
Sono questi i momenti in cui vorrei che il tempo non passasse mai;
i momenti che rimpiango, in cui la musica va a manetta ed è tutta questione di sguardi e sapersi divertire.


Sono queste le cose che più amo della vita: le emozioni che possono regalarti le persone, le notti in bianco passate a fantasticare, ballare fino a non sentire più le gambe e le fotografie. 
Perchè io non voglio perdere neanche un secondo ma viaggiare, incontrare, conoscere e imparare; sperimentare sorridere e amare;
divertirmi e scoprire me stessa, ancora di più.
Non porsi mai dei limiti e viversi la giornata al 100% 




Lunedì, i sogni e la voglia di vivere non mancano mai.
Nonostante le mille difficoltà, nonostante le mille mancanze, nonostante il tempo limitato