venerdì 7 febbraio 2014

Quello che le donne non dicono

Mi sono sempre chiesa che cosa spinga una donna a legarsi così tanto ad un uomo.
Forse la paura della solitudine, la voglia di provare quelle emozioni che vengono raccontate solo nei libri o forse l'idea che insieme-è-tutto-più-bello.


L'inizio.
I primi sguardi, quando non capisci bene se sta fissando te o magari la figa-da-paura in fondo al locale.
Quando poi realizzi che nessuno ti aveva mai guardata in quel modo e tu ti senti improvvisamente attratta da quello sconosciuto che sembra conoscere già tutto di te
L'inizio.
Le prime uscite, quando le parole mancano, l'imbarazzo è così grande e tu sei talmente insicura e ingenua che vorresti solo correre via e non rivederlo mai più;


L'inizio.
Quando decidi di prendere in mano la situazione e di trovare qualsiasi argomento di cui parlare, solo per ascoltare il suono della sua voce: così profonda, intensa e sensuale che invade i tuoi pensieri già da diversi mesi.
Lui che sorride, tu che cominci finalmente a goderti la serata.
Lui che alza gli occhi incontrando i tuoi ed il mondo che si ferma: è un attimo, un istante in cui capisci che quello è il posto in cui volevi essere e la persona davanti a te è tutto ciò di cui hai bisogno. 
Adesso.
In futuro.



L'inizio.
Il primo bacio, la prima carezza sul viso e la delicatezza dei suoi movimenti.
E' totalmente disarmante e tu ti senti sospesa, in bilico fra mille emozioni contrastanti, ma felice.
Dannatamente e totalmente felice.
Quello che gli uomini non capiscono è che non si tratta solo di un bacio, in realtà è molto di più e tu vorresti saltare, urlare e allo stesso tempo piangere dalla gioia.
Quello che gli uomini non capiscono è che non sono solo due labbra che si incontrano, ma un traguardo. Una vittoria, una promessa.
Una speranza per qualcosa di migliore.



Arrivi a casa ed ogni cosa ti sembra più bella.
Ti infili velocemente sotto le coperte e ripercorri mentalmente tutto quello che è successo durante la serata: le parole dette e quelle che hai tenuto per te, i gesti e le attenzioni che LUI ti ha dedicato, le sue labbra che premono contro le tue e le mani che si intrecciano.
Il viaggio in macchina e quella canzone in sottofondo che è un po la colonna sonora di quella notte.
Ripercorri ogni ora, ogni minuto, ogni secondo.
Ogni emozione, ogni dubbio, ogni curiosità.


Quello che viene dopo è incerto e fa paura, come tutte le cose nuove;
Quello che viene dopo è qualcosa che farà parte di te, nel bene e nel male;
Quello che viene dopo sarà incredibile ed io non vedo l'ora di scrivere questo nuovo capitolo della mia vita.
A presto