martedì 18 febbraio 2014

Pensieri come lame

Sono le tre di notte ed io ho bisogno di leggerezza.
Di staccare la spina, di fare un viaggio per ritrovarmi e di perdermi in un abbraccio infinito.


Prendimi.
Perdimi.
Perditi.
Sparisci. Lontano. Da. Me.
Perchè uomini quello che dovete ancora capire, dopo molti anni, è che con le bugie non si va da nessuna parte.
Perchè donne quello che dovete ancora capire, dopo molti anni, è che una storia iniziata con una "balla colossale" non avrà alcun futuro.


Come può il destino, far incontrare due persone se poi per loro non c'è alcun futuro?
Mai come in questi giorni ho analizzato, rielaborato, sperato, pianto, riso e riprovato a far funzionare una cosa già rotta in partenza;
Ho incolpato me stessa, mi sono posta le domande più assurde e preso decisioni istintive.


Ma seguire l'istinto è davvero la cosa più sbagliata da fare?
Lasciarsi condurre dal mitico-ed-infallibile sesto senso ci autorizza ad essere persone diverse?
Ho la testa pesante, intasata di sciocchezze alle tre del mattino e vorrei avere la spensieratezza di una diciassettenne, ma non è così.



C'e chi dice che le delusioni non sono mai abbastanza, chi dice che fatti feriscono più delle parole e c'e chi quelle parole non riuscirà mai a dirle.
C'e chi ha perso la speranza, chi ha trovato di nuovo la felicità e chi, come canta Jova, "ha ancora il coraggio di innamorarsi".



E poi ci sono io.
Così caotica, testarda e sensibile.
Talmente illusa dalle pagine di un libro da non riuscire a distinguere più la realtà dalla finzione; così incredibilmente istintiva da far paura (che-io-la-testa-la-uso-solo-a-scuola-e-va-bene-cosi)
Così melodrammatica, confusa, ma curiosa e attratta da ciò che sorprende;
passionale e a tratti simpatica ed estroversa.
E se anche non dovessi trovare abbastanza risposte alle mie domande, ho sicuramente capito molte cose: mai ripetere gli stessi errori, mai guardarsi indietro, mai rinunciare a ciò che più ci rende felici.


MAI vivere una vita che non sia la mia .